Olio d’oliva prodotto con irrigazione da acque reflue depurate

Come sappiamo, l’acqua sta diventando un bene di difficile reperimento con una sua riduzione del 40% a livello globale entro il 2030.

Molta acqua è impiegata presso attività agroalimentari e le politiche di riutilizzo delle acque reflue dovrebbero poter influenzare l’agricoltura al fine di ridurre drasticamente il prelevamento presso la rete idrica pubblica.

Nell’area del Mediterraneo viene infatti utilizzato il 64% dell’acqua disponibile e questo, a lungo andare, potrebbe generare numerosi problemi.

La Tunisia rappresenta il quarto più grande produttore di olio d’oliva e si affaccia proprio sul Mediterraneo avendo una connotazione prevalentemente arida con risorse idriche limitate.

La forte preoccupazione è data proprio dall’utilizzo di metodi di irrigazione convenzionali e obsoleti. La previsione di calo di approvvigionamento idrico ha quindi spinto i ricercatori tunisini ad indagare la qualità dell’olio di oliva prodotto tramite l’uso di fonti idriche innovative per la coltivazione di alberi di ulivo.

L’uliveto sperimentale è stato irrigato con due principali fonti di acque reflue:

  • acque reflue provenienti da fonti domestiche e industriali;
  • acque reflue prodotte durante l’estrazione dell’olio di oliva da un frantoio.

I ricercatori hanno scoperto che il contenuto di polifenoli dell’olio extravergine di oliva ottenuto da alberi irrigati con acque reflue depurate è superiore a quello contenuto in olii prodotti con i classici metodi di coltivazione.

Complessivamente l’analisi delle sostanze contenute nell’olio extravergine d’oliva coltivato con irrigazione da acque reflue ha dimostrato una migliore composizione di acidi grassi. I ricercatori sottolineano che, indipendentemente dalla fonte di acqua utilizzata per l’irrigazione degli ulivi, l’olio prodotto è definibile comunque con la dicitura di “olio extra vergine di oliva”.

In conclusione, l’irrigazione di ulivi con acque reflue di frantoio o acque reflue trattate potrebbe essere un modo efficace di preservare l’acqua senza compromettere la qualità dell’olio extravergine di oliva che arriva nelle cucine e sulle tavole di tutto il mondo.

Condividi questo post
Desideri ricevere maggiori informazioni sui nostri prodotti e servizi?
contattaci